diventare genitori è un gioco da ragazzi

Ispirato e alimentato dall'omonimo Gruppo Facebook

Un computer per i bambini? Basta una chiavetta, e il gioco è fatto!

25 maggio 2015


Solita mamma curiosa. Ma, mi dico, voi non lo sareste se leggeste che basta una chiavetta per consentire un approccio sicuro al computer per i vostri figli

 

Così mi sono attivata ed ho contattato Stefano Tagliabue, l'ideatore di Freestyle Pc for kidsche trasforma con rapidità e in modo pratico il computer di casa in un ambiente in cui i bambini possono navigare in tutta tranquillità.

 

Figlio di un'insegnante, dice di aver per questo vissuto da vicino i cambiamenti che vedono i bambini sempre più connessi alla rete. 

 

D: Come le è venuta in mente l'idea di dedicare ai bambini la sua attenzione?

"La parola chiave in questo caso è “consapevolezza”. Il mio obiettivo è riuscire a dare un contributo concreto affinché i più piccoli comincino a prendere consapevolezza del mondo digitale e degli strumenti digitali.

 

Credo, infatti, che la consapevolezza parta prima di tutto dalla conoscenza di quello che si sta utilizzando e di come sia possibile utilizzarlo.

 

Secondo alcuni recenti studi, infatti, i “nativi digitali” non hanno piena consapevolezza del web e dei suoi strumenti: ad esempio, non collegano il rapporto che esiste tra la Rete e le applicazioni, e alla domanda “Tu utilizzi la Rete?” rispondono “No, uso Facebook”.

 

Questo significa che in molti di loro purtroppo manca una consapevolezza degli strumenti che si stanno utilizzando. Il mio progetto cerca di dare un piccolo contributo in questa direzione, aiutando i più piccoli a prendere confidenza con il digitale, partendo dalle basi, e cominciando proprio dai computer.

 

Il digitale, infatti, è uno strumento eccezionale se utilizzato con consapevolezza, e rappresenta uno strumento per conoscere, alimentare la curiosità, “aprire la mente” ed entrare in contatto con differenti opportunità.

 

 

 

D: che obiettivi si è posto iniziando il lavoro?

"Dal 2012 al 2014 è stato eseguito il lavoro di ricerca, sviluppo e personalizzazione, e a fine 2014 è stato presentato il primo prodotto Freestyle Pc for Kids.

La prima idea, infatti, riguardava l’installazione di questo sistema operativo personalizzato (basato su Ubuntu-Linux) direttamente su computer. 

 

Essendo un tecnico informatico abilitato anche alla vendita avevo destinato un’area commerciale alla vendita di questi computer con all’interno questo sistema operativo.

 

C’era qualcosa, però, che non mi convinceva. Volevo trovare un modo per rendere l’uso di questo sistema più semplice, veloce ed economico. E da qui l’idea di installare il sistema direttamente su una chiavetta, che può essere utilizzata su qualsiasi tipologia di computer (dai più datati ai più recenti), con l’impiego di poche risorse tecniche.

 

Ovviamente niente di geniale, anzi. Ho solo cercato di dare agli utenti il modo più semplice, veloce ed economico per rendere in pochi secondi un computer qualsiasi adatto all’utilizzo da parte dei bambini dai 3 ai 10 anni.

 

La chiavetta ha al suo interno 10 programmi contenti oltre 300 giochi educativi: dalla coordinazione oculo manuale (imparare a usare tastiera/mouse) fino ai calcoli complessi; dallo sviluppo delle capacità di lettura al potenziamento delle abilità legate alle materie scientifiche; dalle conoscenze geografiche/astronomiche a quelle umanistiche; programmi con attività legate al miglioramento della scrittura attraverso la tastiera, una suite “Office” personalizzata per i più piccoli; un browser sicuro che non permette l’accesso a siti pornografici e a contenuti rischiosi.

 

Ci tengo a sottolineare – come espresso più volte sul sito – che il sistema operativo si basa su Ubuntu-Linux (un sistema open source) e quindi non esistono licenze a pagamento per questa tipologia di distribuzione.

 

Il costo della chiavetta, quindi, è legato al costo fisico della chiavetta, alla confezione, alle spese di spedizione e al lavoro di personalizzazione che è stato effettuato.

Questo spiega i 19.99€ totali (comprese le spese di spedizione).

 

Una volta realizzata questa chiavetta, ho eseguito continuamente test per un mese, facendo testare il prodotto ai bambini e ai loro genitori, e una volta terminati i test, raccolti i feedback, migliorato ciò che era da migliorare, è stato lanciato il sito dove è possibile procedere con l’acquisto: http://pcforkids.it/"

 

D: In cosa consiste la personalizzazione (raccontata a chi non capisce nulla di computer!)? Cosa chiedono i genitori che desiderano una personalizzazione?

Ci sono varie tipologie di richieste per quanto riguarda quest’area: si va dalle richieste di personalizzazione a livello grafico (nel caso di un regalo, ad esempio) a richieste di personalizzazione per quanto riguarda i programmi contenuti all’interno (c’è chi richiede, ad esempio, programmi in lingua inglese, oppure delle suite specifiche, sempre open source).

 

Ogni persona che richiede una personalizzazione viene contattata direttamente per comprendere le reali esigenze e per studiare insieme la soluzione migliore.

 

D: Quando è stata lanciata ufficialmente la vendita? Come vanno le vendite? Luogo da cui provengono più richieste? Luogo più lontano?

"La vendita è stata lanciata ufficialmente il 29 aprile, ma nella settimana precedente abbiamo eseguito i primi test con una mailing list di contatti che possedevamo.

 

In questa primissima settimana di test abbiamo ricevuto circa 50 richieste. Dal 29 aprile a oggi, invece, sono quasi 300 gli ordini arrivati da tutta Italia.

 

Non abbiamo ancora effettuato un investimento pubblicitario e sono ordini arrivati principalmente grazie ad articoli su di noi che sono stati pubblicati su alcune testate. E grazie anche al passaparola e alle prime impressioni positive.

 

Infatti, qualche utente che ha acquistato la chiavetta il giorno stesso del lancio, ha effettuato un secondo ordine nella settimana successiva, oppure ci ha comunicato di aver fatto conoscere il progetto a un amico.

 

Abbiamo ricevuto molte richieste da Roma, soprattutto, ma sono state coperte più o meno tutte le regioni dal Trentino alla Sicilia.

 

Una quindicina di ordini, però, sono stati effettuati anche dall’estero: Canada, Norvegia, Svezia, Francia, Polonia, Belgio, Olanda, Inghilterra e Spagna.

 

Stiamo iniziando a ricevere anche le prime richieste da parte di negozi che vendono articoli per bambini e che vorrebbero proporsi come rivenditori."

 

D: Qualche curiosità o episodio di particolare soddisfazione legato alla fase progettuale o all'uso da parte dei bambini?

"Un episodio particolare riguarda l’attenzione posta da alcuni insegnanti. Uno di loro, infatti, si è presentato direttamente nel nostro laboratorio per acquistare alcune chiavette con l’obiettivo di realizzare un laboratorio informatico nella sua scuola, utilizzando il nostro sistema.

 

Dopo il test è tornato per confermare che il laboratorio sarà attivato e che i bambini sono stati entusiasti.

 

Sono questi i segnali positivi, al di là di tutto: sapere che il tuo progetto può essere veramente utile per qualcuno."

 

D: Prevedete sviluppi per questo progetto?

"Stiamo sviluppando una seconda versione della chiavetta che conterrà delle nuove suite e dei nuovi percorsi informatici.

Mantenere uno sviluppo costante è essenziale per continuare a offrire aggiornamenti.

 

A breve, inoltre, uscirà una versione della chiavetta solo in lingua inglese (e probabilmente anche in lingua francese), date le molte richieste che abbiamo ricevuto in questa direzione.

 

Non escludiamo, però, che per il prossimo anno si potrebbero avviare delle collaborazioni importanti con le istituzioni e con il settore scolastico."

 

D: la chiavetta funziona con pc e Mac?

"Esattamente, la chiavetta ha più versioni: per MAC, per pc prodotti prima del 2010 (senza tecnologia UEFI) e per pc prodotti dopo il 2010 (con tecnologia UEFI)."

 

Ho provato la chiavetta con la mia bambina.

L'installazione - spiegata passo passo in modo da renderla molto intuitiva - è semplice, e richiede forse 10 minuti in tutto.

 

Una volta avviato, avrete sul vostro computer un desktop "bimbofriendly", con disegni simpatici, e una lunga serie di programmi adatti ai bambini: giochi piacevoli e istruttivi, in cui i bambini possono imparare a far di conto o la geografia, un programma di scrittura, uno di disegno, ecc...

 

Premesso che è abituata a usare diverse app su smartphone e tablet, mia figlia (quasi 6 anni) ha apprezzato il layout del desktop e ha compreso facilmente il suo funzionamento.

 

Proprio perchè abituata ai touch screen, ha trovato un po' di iniziale difficoltà nell'uso del mouse, superata in pochi minuti.

 

Si è dilettata con la geografia, collocando - aiutata dalla mamma - le foto dei monumenti e le bandiere in Italia e nel mondo; ha riconosciuto i suoni degli strumenti; ha disegnato, trovato le differenze, visto come funziona il ciclo dell'acqua, ed ha provato pure a usare Word per bambini.

 

Nonostante la grafica sia meno accattivante rispetto a quella delle app che usa di solito, pare lei non abbia rilavato la cosa, e abbiamo dovuto negoziare per staccarci dal computer! Altri programmi li proveremo nei prossimi giorni.

 

Visto con gli occhi della mamma non manca nulla! I giochi - in particolare quelli legati alla matematica - sono divertenti e stimolano l'apprendimento progressivo, anche grazie ai diversi gradi di difficoltà. Alcuni li abbiamo momentaneamente accantonati perchè troppo complicati, ma sicuramente li useremo più avanti.

 

Basilare, poi, l'accesso a Internet sicuro, che blocca a priori l'accesso a materiali non adatti ai bambini.

 

Nella "mia" lotta all'uso consapevole del computer e del web, direi che abbiamo trovato uno strumento davvero utile e sicuro per aiutare l'apprendimento. Felice che l'idea sia arrivata da un giovane italiano! 


https://www.facebook.com/freestylepcforkids?fref=ts