diventare genitori è un gioco da ragazzi

Ispirato e alimentato dall'omonimo Gruppo Facebook

Sara e La miniera delle Idee

Mompreneurs - Sara Patriarca


La mia carriera lavorativa è iniziata molto presto: a soli 21 anni ho incominciato ad insegnare conoscendo fin da subito il significato del termine “precariato” e quella sensazione di vivere alla giornata.. nessuna certezza, nessuna possibilità di programmare nulla.

 

Neanche le ferie, perché quando vivi e lavori a 500 km di distanza dalla tua famiglia tutto diventa più complicato e tra affitto da pagare, bollette e spese varie non puoi permetterti di sbagliare.

 

Poi varie esperienze in aziende con contratti “Co. Co. Co”, “a progetto” o su “sostituzione maternità”, quando finalmente è arrivato dopo anni il tanto sognato contratto a tempo indeterminato: responsabile qualità di una azienda alimentare.

 

Finalmente una certezza!!! Il lavoro da svolgere da qui alla pensione, fino a quando …

 

Tutto è andato meravigliosamente per alcuni anni, fino a quando un bel giorno causa la crisi vengo convocata dalla titolare: “l’azienda ha preso una decisione sofferta e nonostante tu abbia svolto il lavoro in maniera esemplare ci troviamo costretti a fare a meno del controllo qualità. Affideremo il tutto all’esterno.”

 

Sapete la sensazione di essere centrata in pieno da un treno in corsa? Ecco! Ascoltando quelle parole io mi sono sentita anche peggio…

 

Ed ora come faccio? Il mutuo da pagare, una bimba piccola da crescere… Mi sono trovata davanti ad una scelta: cercare nuovamente un lavoro da dipendente consapevole che in qualunque momento questo “film” già visto poteva essere ritrasmesso in replica oppure trovare il coraggio di dare una svolta decisiva alla mia vita.

Ho sempre avuto la voglia di mettermi in gioco e di idee certamente la mia mente ne è sempre stata “sovraffollata”… è da qui che tutto ha avuto inizio!

 

Di persone che hanno inizialmente appoggiato la mia scelta ce ne sono state veramente poche, ad iniziare dal commercialista che ha tentato di fare di tutto per farmi desistere dall’aprire la partita iva, ai tanti amici con i loro “ma chi te lo fa fare”… ma sono andata avanti ed oggi mi ritrovo qui nel mio ufficio a raccontarvi della mia esperienza.

 

Chi sono o meglio cosa sono diventata?

 

Sono un consulente aziendale/ marketing e collaboro attivamente alla realizzazione di manifestazioni fieristiche [e non], collaboro con una serie di professionisti e gestisco un portale (laminieradelleidee.it) che è diventato “la mamma” di un progetto social che coinvolge mamme e blogger in tutta Italia.

 

Da quando ho scoperto le potenzialità “della rete” non posso più farne a meno perché ogni persona con cui vengo in contatto, regalandomi un po'del suo tempo, mi aiuta a migliorare me stessa ed a volte diventa fonte di ispirazione per nuovi progetti.

 

Questo e gli eventi sono diventate due componenti fondamentali della mia vita. La strada sicuramente è in salita e piena di ostacoli, (clienti che non pagano, tasse, commercialista).

 

Non esistono più i sabati e neanche le domeniche, soprattutto quando le manifestazioni entrano nel vivo e tu devi essere li per i tuoi clienti e fare in modo che tutto sia perfetto proprio come loro immaginavano… ma vuoi mettere la sensazione di potersi svegliare ogni mattina con il sorriso consapevole che ad attenderti c’è una passione camuffata in lavoro?

 

Non so dove tutto questo mi porterà ma io vado avanti e continuo a crederci… magari è la volta buona che anche nella mia favola possiate leggere …

“E vissero tutti felici e contenti”!!!


http://www.laminieradelleidee.it