diventare genitori è un gioco da ragazzi

Ispirato e alimentato dall'omonimo Gruppo Facebook

Parto per Fiemme

6 agosto 2014


Una delle millle belle cose del gruppo Facebook "Genitori a Trento e dintorni" è che si raccontano fatti e notizie che riguardano la nostra terra, e mi permette di entrare in contatto con tantissime persone e realtà interessanti, utili e importanti per noi genitori e per i nostri bambini.

E di raccontarle attraverso il mio blog, nella speranza - nel mio piccolo - di poter essere d'aiuto nella diffusione di iniziative importanti.

 

Una di queste è "Parto per Fiemme", il progetto autofinanziato della Gente di Fiemme e Fassa per tenere aperto il Punto Nascite di Cavalese. Un'iniziativa trovo bellissima, soprattutto perchè nata spontaneamnete da chi quel punto nascite lo ha vissuto in prima persona.

 

Lascio quindi la parola a loro, chiedendovi di diffondere la notizia fra le vostre amiche in procinto di partorire.

 

 

"Care Mamme ma non solo… 

Come forse avrete sentito dire, purtroppo il punto nascite dell’Ospedale di Cavalese è a rischio chiusura nonostante il livello di assoluta qualità e sicurezza raggiunti. Nel 2013 i parti spontanei sono stati circa 270, ma l’obbiettivo è quello di aumentarli sensibilmente (almeno di 100) per avere più possibilità che il punto nascite continui a rimanere attivo.

 

A questo punto alcuni normali cittadini come me, si sono chiesti…cosa possiamo fare?

 

Questa è stata la nostra idea che vorrei condividere con voi…Incentivare le Famiglie provenienti da fuori Valle, e, compatibilmente con le dinamiche di un parto naturale, anche da fuori Regione, per portarle a far nascere il loro figlio all’Ospedale di Cavalese, con il vantaggio di poter vivere un momento così bello e delicato, in un ospedale ben attrezzato ma poco affollato, dove le mamme e il bambino sono davvero coccolati e seguiti in maniera eccellente.

 

In momenti delicati come questi la donna che partorisce ha bisogno di avere al suo fianco un aiuto, un sostegno, quindi è inevitabile che debba essere accompagnata da qualche famigliare, il compagno, la mamma e naturalmente gli altri figli. Sappiamo però che questo comporterebbe una spesa per il soggiorno dei famigliari che non tutti possono sostenere.

 

Ecco quindi spiegato “Parto per Fiemme": la Famiglia della partoriente viene ospitata con le seguenti modalità
- nuclei famigliari composti da 4 persone al massimo (di cui max 2 adulti e max 2 bambini nella stessa camera)
- 4 notti al massimo di soggiorno
- Servizio di mezza pensione

 

Tutto questo è possibile grazie alla disponibilità di alcuni hotel convenzionati che offrono il servizio di cui sopra per un forfait di soli € 30 a notte.

 

Il finanziamento del forfait avviene attraverso la gente di Fiemme e Fassa che aderendo al progetto “Parto per Fiemme” si impegna a versare 30 € annui per quattro anni finanziando, di fatto, un parto in Val di Fiemme.

 

“Parto per Fiemme” è la prova che, pacificamente, ma con la determinazione tipica di queste terre, i valligiani sanno farsi carico di una parte dell’onere pubblico accompagnando, anche in questo modo, i servizi di eccellenza che non possono sparire."

 

L’Associazione di Promozione Sociale “Parto per Fiemme” è registrata ufficialmente, e i sostenitori del progetto (al 5 agosto 2014) hanno superato le 140 persone.

Anche la Nazionale azzurra maschile di Volley sostiene questa iniziativa, a cui devolverà le offerte della partita contro la Serbia che si terrà al Palazzetto di Cavalese il 24 agosto (maggiori informazioni su Predazzo Blog).

 

Chiunque volesse può sostenere il progetto con soli 30 Euro all'anno per 4 anni:

il conto bancario è aperto presso la Cassa Rurale di Fiemme, filiale di Tesero IBAN IT 11 F 08184 35640 000002156294

 

(ricordando eventualmente di mandare una mail a partoperfiemme@gmail.com con i dati relativi a chi ha effettuato il bonifico)

 

Per info partoperfiemme@gmail.com tel. 0462 341419