diventare genitori è un gioco da ragazzi

Ispirato e alimentato dall'omonimo Gruppo Facebook

25a Giornata Internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell’adolescenza - 20 novembre 2014

20 novembre 2014


Il 20 novembre 1989 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'Adolescenza, oggi adottata da oltre 190 paesi del mondo.

 

Ratificata In Italia dal 1991 con la legge 176, la Convenzione è composta da 54 articoli, tutti di pari importanza, che raccolgono gli sforzi compiuti in 50 anni nella difesa dei diritti dei bambini.

 

Diritti che si suddividono idealmente in 4 aree che racchiudono i principi fondamentali della convenzione:

- non discriminazione in base al sesso, alla razza, alla religione, al colore o alle opinioni;

- Interesse del bambino preminente in ogni decisione, azione legislativa, provvedimento giuridico, iniziativa;

- diritto alla vita, sopravvivenza e sviluppo;

- diritto all'ascolto nei procedimenti che li riguardano.

 

La partecipazione è parte fondamentale della carta, secondo la quale il bambino deve poter prendere parte alle questioni che lo interessano.

 

Oggi, in ricordo di questo importante, atto si celebra la 25a Giornata Internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell’Adolescenza: una giornata dedicata all’informazione e alla riflessione sul tema.

 

Ancora purtroppo molto attuale, poichè ancora oggi sono troppi i bambini e gli adolescenti vittime - anche nel nostro Paese - di violenze e abusi, discriminati ed emarginati, o costretti a vivere in condizioni difficili di degrado e trascuratezza.

Ancora troppi i bambini che vivono la guerra e il terrore, l’estrema povertà, l’ignoranza e lo sfruttameno.

 

Per fortuna sono molte le organizzazioni che si occupano con passione e competenza di bambini e della loro protezione.

 

Fra queste Unicef, cui le stesse Nazioni Unite hanno affidato il compito di garantire e promuovere l’applicazione dei diritti dell’infanzia nei 194 stati che l’hanno ratificata.

 

Unicef presenta proprio oggi il Rapporto Annuale 'La condizione dell'infanzia nel mondo 2015', dal titolo "Immaginare il futuro: l'innovazione per tutti i bambini".

 

Innovazione che – secondo la visione assunta in questo documento – deve essere vista come opportunità di sviluppo equo e inclusivo.

 

Libri e video per la giornata

Grazie ad una delle bravissime maestre della scuola d’infanzia di mia figlia, ho scoperto due splendidi libri che possono accompagnare i bambini alla scoperta dei diritti.

 

 

Che cos'è un bambino - Beatrice Alemagna – Topipittori

di questo libro mi sono letteralmente innamorata per la semplicità del linguaggio con cui l’autrice esprime pensieri di grande profondità, in cui i bambini possono riconoscersi e che sono certa comprendano perfettamente.

 

 

 

 

Il Cammino dei diritti - Janna Carioli e Andrea Rivola, progettato in collaborazione con Amnesty International - Fatatrac

racconta attraverso immagini e poesie, i passaggi cruciali che, dal 1700 ad oggi, hanno contribuito alla creazione del senso comune di uguaglianza.

 

 

Unicef ha poi prodotto un video in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell’Adolescenza, in cui ricorda quali fondamentali battaglie sono state vinte grazie ad essa.

 

 

 

E già che ci siete, date un’occhiata anche a questo, che ho trovato delizioso per la semplicità e la naturalezza con cui i bambini vedono le cose della vita.  E da cui dovremmo tutti imparare.

 

 

 

Piccola considerazione personale

Come in molti casi, l'esistenza della Giornata Internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell’Adolescenza dovrebbe essere solo la celebrazione della nascita della carta, e non il momento per ricordarsi che i bambini vanno tutelati dalle molteplici situazioni di violenza (psicologica e fisica) cui spesso sono tristemente sottoposti.

 

I diritti dell'infanzia devono essere ricordati e tutelati ogni singolo minuto di ogni giorno della loro vita.