diventare genitori è un gioco da ragazzi

Ispirato e alimentato dall'omonimo Gruppo Facebook

Combattere i pidocchi


Se il bambino ha preso i pidocchi armatevi di grande pazianza!

Passate il pettine fra i capelli e togliete le uova con le unghie. Quando si lavano i capelli è bene usare shampoo specifici (spesso venduti assieme al pettine adatto).

Usare il balsamo e pettinare con la pettinina facilita lo scorrere delle lendini o dei pidocchi rimasti sui capelli. L’ultimo risciacquo va fatto con acqua e aceto (sgradito ai fastidiosi ospiti).

I prodotti in vendita nelle farmacie sono molti, e si differenziano spesso per le tempistiche di posa: alcuni vanno lasciati anche 20 minuti, altri in 2 minuti si possono sciacquare.

In casi estremi potrebbe essere utile tagliare i capelli. Ma, per chi ha i capelli lunghi, la piastra per lisciare i capelli, usata con cautela avvicinandola il più possibile al cuoio capelluto, uccide con il suo calore qualunque forma di vita si annidi sulle teste.

Mediamente il bambino può tornare a scuola appena inizia il trattamento. È importante – in accompagnamento al trattamento - lavare lenzuola, cuscino, asciugamani e indumenti indossati nei due giorni precedenti il trattamento, ad almeno a 60 gradi, o passarli con il vapore del ferro da stiro.

Si devono lavare con detersivo e in acqua bollente anche pettini, spazzole e fermagli. E giochi e peluche, se non possono essere lavati, vanno almeno “messi in quarantena” in una borsa di plastica ben chiusa per un paio di settimane, oppure due giorni in freezer.