diventare genitori è un gioco da ragazzi

Ispirato e alimentato dall'omonimo Gruppo Facebook

Bimbi con l'alito cattivo


Sono i nostri bambini, e li amiamo al di sopra di ogni cosa, ma se l'alito è cattvo è difficile far finta di nulla!

La cattiva digestione può essere accompagnata da questo problema: una mamma ha, per esempio, rilevato che la sua bimba ha l'alito cattivo se mangia carboidrati o dorme troppo (rimanendo a lungo a stomaco vuoto); un’altra quando il figlio eccede con i latticini.

 

Spesso accade al mattino, ma è cosa piuttosto naturale, e in ogni caso una buona igiene orale può aiutare a risolvere il problema.

 

Alcune problematiche possono accentuare il problema di alitosi nei bambini: le carie, per esempio, o la crescita dei dentini.

E l’acetone, il cui odore è dolciastro, e somiglia a quello della frutta matura, che è spesso accompagnato da sonnolenza, inappetenza e poca voglia di giocare. A volte anche da vomito. In caso di acetone (che può essere diagnosticato acquistando gli stick per l’urina in farmacia), per eliminare l’alito cattivo potrebbe bastare un po’ d’acqua con una puntina di zucchero, o dare qualcosa da mangiare al bambino prima di metterlo a letto.

 

Anche la faringite o la tonsillite provocano alito cattivo.

Un’altra causa potrebbe data da residui di catarro: è importante fare per bene l’aerosol quando viene prescritto dal pediatra, e fare pulizia del naso: in 2 o 3 giorni passa.

 

Qualcuno consiglia la mannite - una sostanza dolcificante con proprietà diuretiche che “rinfresca” l’intestino - che può esser d’aiuto sciolta in un liquido e somministrata per un paio di giorni. Attenzione però ai dosaggi! In Australia è vietata la sua presenza nei cibi per bambini a causa dei suoi possibili effetti lassativi.

 

L’infezione da streptococco – che non necessariamente è accompagnata dal sintomo del mal di gola – provoca alito cattivo che persiste per tutto il giorno. Si diagnostica facendo un tampone.

 

Ed anche i vermi possono provocare questo tipo di effetto.

 

In ogni caso è fondamentale un confronto con il proprio medico di base, che saprà individuare la causa del problema e indicare i rimedi più appropriati.